Facebook SPAM tramite falsi video e app con JavaScript

closeQuesto articolo è stato pubblicato 6 anni 7 mesi 29 giorni fa! Nel mondo HiTech tutto questo tempo equivale ad ere geologiche. Per tanto ricorda che la notizia può essere passata, smentita o annullata!! Quindi effettua altre ricerche nel sito prima di raccontarlo ai tuoi amici!! Potresti fare una figuraccia...

EDITORIALE – Oggi è domenica, piove a dirotto, c’è un freddo cane; insomma si è obbligati a stare in casa. Colgo, allora, l’occasione per scrivere un bel articolo su un argomento che mi sta a cuore: la sicurezza su Facebook. Dato che le parole Sicurezza e Facebook non ci azzeccano molto l’una con l’altra voglio descrivere uno dei tanti problemi che affliggono il più grande social network del momento: lo SPAM. Vediamo come gli spammer ci inzaccherano le pagine del nostro profilo senza il nostro consenso e vediamo cosa Facebook potrebbe fare e invece non fa.

Ispiratrice di questo mio articolo è proprio una pagina relativa ad un video di una bella ragazza che si spoglia davanti alla webcam e viene beccata dal padre; ma perchè non parlare anche della pagina con le foto compromettenti di Silvio Berlusconi; ma citiamo anche la pagina tramite la quale si può vincere un buono acquisto da 10.000 €; e perchè no: la pagina che ti permette di sapere chi visita il tuo profilo. Ce ne sono ben 1.200 di queste pagine nell’archivio di Google.

Tutte hanno due cose in comune:

  1. Non vedrai niente di quello che ti promettono, ne la bella ragazza che si spoglia, ne le foto di Silvio;
  2. Sicuramente ti troverai sul tuo profilo la preferenza espressa per tale pagina, anche se tu non hai mai cliccato sul link “Mi piace”.

Ebbene si queste sono belle e buone tecniche di SPAM che molti spammer, per dare visibilità alle loro pagine, utilizzano con risultati ottimi.

Immaginate la pagina del video della ragazza che si spoglia quanti uomini ci avranno cliccato e sono stati fregati! Migliaia se non milioni.

VEDIAMO COME FUNZIONA IL TRUCCO:

Il trucco è tutto nel codice sorgente HTML della pagina, o meglio è tutto grazie all’utilizzo incrociato di IFRAME e di JAVASCRIPT ovviamente offuscato in esadecimale per impedire che un occhio semi-esperto (o magari qualche bot) se ne accorga.

Prediamo per esempio questa pagina:

SPAM su Facebook: ragazza si spoglia

SPAM su Facebook: ragazza si spoglia

Questo è lo specchietto per le allodole, o per i maschi troppo arrapati.

Vediamo il codice sorgente di questa pagina:

Codice SPAM Facebook

Codice SPAM Facebook

Questo bel codice altro non è che un bel iframe nascosto, la pagina che ci vogliono nascondere è quella che permette a Facebook di gestire i click sui collegamenti “Mi piace”, caricandola in automatico (a nostra insaputa) Facebook in automatico pensa che noi abbiamo cliccato sulla preferenza mi piace della pagina, invece noi non abbiamo fatto un bel niente.

Visitando la pagina della ragazza che si spoglia, oltre a non vedere niente, mi sono trovato nel mio profilo la seguente voce: A Luca Piace: Ragazza che si spoglia in webcam e viene beccata dal padre. In verità io, però, non ho cliccato un bel niente!

COSA POSSIAMO FARE:

Niente possiamo fare, il tranello non lo scopriamo fino a che non visitiamo la pagina in questione. Una volta che ci siamo accorti di essere incappati in un tranello andiamo sul nostro profilo ed eliminiamo la voce che si è creata in automatico!

COSA PUO’ FARE FACEBOOK ED IL SUO TEAM?

Potrebbero fare molto, perchè questo è proprio un caso di SPAM, dove diversi spammer ci guadagnano parecchi soldi a discapito di altri utenti! Potrebbero creare un sistema più valido per il controllo dei “Mi piace” per esempio…

Lo so, non penso di essere il primo a parlare di questo argomento, ma meglio un articolo in più che magari si diffonde fra altri utenti, che un articolo in meno!!

Ciao

2 pensieri su “Facebook SPAM tramite falsi video e app con JavaScript

  1. Pingback: Come aumentare le visite del sito web con Facebook | How to e guide su: Windows 7, Windows Vista, Windows XP, iPhone 4, BlackBerry :: Orebla.it

Tu cosa ne pensi?