Microsoft Live Mesh

closeQuesto articolo è stato pubblicato 9 anni 6 mesi 26 giorni fa! Nel mondo HiTech tutto questo tempo equivale ad ere geologiche. Per tanto ricorda che la notizia può essere passata, smentita o annullata!! Quindi effettua altre ricerche nel sito prima di raccontarlo ai tuoi amici!! Potresti fare una figuraccia...

RedMond – (CA) Microsoft presenta, in Technology Preview, la sua ultima elaborazione in materia di web 2.0 e interattività; si chiama Live Mesh e promette di fare un enorme successo.

La pagina ufficiale di Microsoft Live Mesh è http://www.mesh.com, al momento però le iscrizioni a tale sito sono limitate ai soli statunitensi.

La tecnologia introdotta da Microsoft sembra portare avanti di 10 anni quella attuale; obbiettivo di Mesh è quello di allargare la connettività tra diversi dispositivi in diversi luoghi e con diverse connessioni alla rete.

Ecco le principali caratteristiche di Live Mesh:

  • Sincronizzare dispositivi diversi: attualmente funziona per computer con Winodows Vista e Windows XP, ma nei prossimi mesi il software da installare sul client sarà disponibile anche per Mac e dispositivi Mobile.
  • Dare la possibilità di avere i miei dati (File, Folder e Programmi) disponibili da un qualsiasi dispositivo del mio ‘Mesh’, attraverso un ‘Live Desktop’.
  • Condividere dati con altri utenti
  • Rimanere informati su cosa succede al nostro Mesh, come vedere la presenza on-line di amici e colleghi e sapere chi e quando ha fatto modifiche a documenti e folder

Microsoft ha preparato anche una Demo introduttiva al servizio, che illustra le potenzialità (che al momento non possiamo “assaggiare”).

Le tecnologia che in questi anni si stanno preparando per l’evoluzione a Web 2.0 sono davvero molto interessanti. Tecnologie che permetteranno di utilizzare grandi risorse con pochi requisiti hardware, in quanto tutto si svilupperà sul web.

I tecnici di RedMond stanno anche pianificando la possibilità di interagire con Live Mesh, tramite l’utilizzo di API che i developer possono utilizzare per sfruttare a pieno le potenzialità.

Fonte: Il Blog Team MSDN Italia.

Tu cosa ne pensi?