Apple nei guai: Senatori USA vogliono chiarimenti sul caso iOSpia!

closeQuesto articolo è stato pubblicato 6 anni 2 mesi 4 giorni fa! Nel mondo HiTech tutto questo tempo equivale ad ere geologiche. Per tanto ricorda che la notizia può essere passata, smentita o annullata!! Quindi effettua altre ricerche nel sito prima di raccontarlo ai tuoi amici!! Potresti fare una figuraccia...

La palla è rimbalzata molto lontano questa volta; la notizia che vi ho comunicato relativamente al caso “iOSpia”, cioè iOS che memorizza la posizione di ogni nostro spostamento a nostra insaputa, ha trovato un muro molto alto da passare. Senatori USA hanno chiesto chiarimenti direttamente a Steve Jobs riguardo a questo fatto! E vogliono risposte entro due settimane da oggi! Nel mentre John Gruber, un importante giornalista del settore, afferma che la memorizzazione prolungata negli anni dei dati potrebbe essere un bug di iOS che Apple deve correggere!

Il Senatore Al Franken vuole risposte.” Così inizia l’articolo scritto da Nate Anderson di ArsTechnica per CNN. Il soggetto a cui il Senatore Al Franken ha posto le domande è direttamente Steve Jobs! E, oggetto delle sue domande è il famoso caso “iOSpia” scoppiato in questi giorni: la memorizzazione, silenziosa e nascosta, delle posizioni in cui le persone con i loro iPhone o iPad sono stati; il tutto a loro insaputa!

Senatore Al Franke, fonte: Wikipedia

Senatore Al Franken, fonte immagine: Wikipedia

Non c’è che dire, secondo me il Senatore possiede un iPhone… Questo l’ha spinto a chiedere, direttamente e senza intermediari a Steve Jobs chiarimenti su questo “problema”!

A preoccupare di più il Senatore, come si legge nella lettera pubblicata sulla Sua pagina, sarebbe che: “L’esistenza di queste informazioni – memorizzata su supporto non protetto – causa grosse violazioni della privacy” – e ci tiene a specificare – “E ‘anche del tutto plausibile che persone malintenzionate possano creare virus per accedere a questi dati da  computer desktop o portatili“, prosegue la lettera. “Ci sono molti modi in cui queste informazioni possono essere violati da criminali e malintenzionati.“, arriva poi su un campo davvero molto particolare: “Inoltre, non ci sono indicazioni che questi file siano differenti per minorenni che utilizzano iPhone o iPad, significa che milioni di bambini e ragazzi che utilizzano iPhone o iPad rischiano che le loro posizioni siano memorizzate e compromesse.

Bè penso che dopo una lettera del genere Apple sia obbligata a rispondere pubblicamente e a modificare tale sistema di localizzazione!!

Sempre tornando ai dettagli tecnici relativi alla memorizzazione di “iOSpia” un altro personaggio, del web questa volta, importante ha detto la sua sul caso. A parlare è John Gruber creatore di “Daring Fireball“, noto blog, secondo il suo parere la memorizzazione “all’infinito” di tutte le posizioni geografiche non sarebbe altro che un bug del sistema.

Perchè se davvero iOS sfrutta CellLocate.db per permettere ad app di terze parti di utilizzare la localizzazione anche in multitasking non ci si spiega a cosa possono servire posizioni di un anno fa!

Direi che entro pochi giorni avremo una risposta ufficiale da parte di Apple!

Fonte: [via]

 

Un pensiero su “Apple nei guai: Senatori USA vogliono chiarimenti sul caso iOSpia!

  1. Pingback: L’iPhone ti spia? Senatore Usa scrive ad Apple – Giornalettismo

Tu cosa ne pensi?