Ecco l’interno del nuovo iPhone 4G!

closeQuesto articolo è stato pubblicato 7 anni 6 mesi 8 giorni fa! Nel mondo HiTech tutto questo tempo equivale ad ere geologiche. Per tanto ricorda che la notizia può essere passata, smentita o annullata!! Quindi effettua altre ricerche nel sito prima di raccontarlo ai tuoi amici!! Potresti fare una figuraccia...

In questo periodo la Apple non deve essere al top nella sicurezza interna aziendale; è infatti risuccesso qualche giorno fa che qualcuno dell’azienda di Cupertino ha perso un altro prototipo di iPhone 4G. Questa volta però il tutto è successo nel continente Asiatico. Ci giungono, così, dall’EST le immagini dell’hardware del futuro iPhone 4G!

Molti già lo sapevano, molti se lo aspettavano: ed infatti dopo aver aperto il prototipo del futuro iPhone 4G si sono trovati davanti proprio l’hardware del recentissimo Apple iPad.

Dando un’occhiata alle immagini che ci giungono dall’Est del mondo gli ingegneri dei diversi portali tecnologici non si meravigliano per niente di quello che vi hanno trovato:

Hardware iPhone 4G

Hardware iPhone 4G

Chi se ne intende, non sono io in questo caso, ha affermato che la componentistica hardware del prototipo trovato in Vietnam presente i seguenti elementi:

La tecnologia del Processore Appel A4 è la ARM che permette di allungare di molto la durata della batteria interna dell’iPhone. Infatti tale processore può viaggiare alla “velocità” di 1Ghz includendo la GPU 2D/3D che supporta l’Open GL.

Processore Apple A4

Processore Apple A4

Se il processore è stato migliorato e velocizzato, infatti l’attuale iPhone 3GS dispone di un ARM Cortex-A8 833 MHz-667 Mhz, i moduli RAM non sono stati aumentati; rimanendo sempre sui 256 MB.

Questo può voler dire che il sistema operativo nativo e le applicazioni sono diventate più fluide e meno esigenti in termini di memoria RAM.

Rimane comunque il fatto che l’attuale hardware dell’iPad sarà quasi completamente il futuro hardware dell’iPhone 4G.

Poche quindi le novità introdotte da Apple in questo campo.

Fonti articolo:

Tu cosa ne pensi?