Pod2g blog: alcuni dettagli sul exploit per il jailbreak untethered di iOS 5

closeQuesto articolo è stato pubblicato 5 anni 11 mesi 10 giorni fa! Nel mondo HiTech tutto questo tempo equivale ad ere geologiche. Per tanto ricorda che la notizia può essere passata, smentita o annullata!! Quindi effettua altre ricerche nel sito prima di raccontarlo ai tuoi amici!! Potresti fare una figuraccia...

Ieri vi avevo scritto delle novità che erano arrivate direttamente da Twitter per un nuovo exploit, scovato su iOS, che permette il jailbreak untethered di iOS 5 da parte Pod2g. Ora, il noto hacker, ha aperto una sua pagina personale in cui tenere aggiornati i fan e chi si interessa di jailbreak. Inoltre sono stati rilasciati alcuni dettagli che svelano un po’ del bug e dell’exploit per le varie versioni; i dettagli dopo il salto…

La notizia (e il video dimostrativo, nda) che un nuovo bug era stato scovato su iOS 5 e che ne permetteva il jailbreak untethered è stata veramente una ventata di aria fresca; visto lo “stallo” che circolo attorno a tale procedura…

Pod2g, l’hacker che ha scovato il bug, ha aperto una sua pagina su BlogSpot, ecco il link: http://pod2g-ios.blogspot.com/.

Nel suo primo articolo Pod2g ha scritto qualche dettaglio sul bug e sullo stato dei vari exploit relativi ai vari device di Apple:

  • Anzitutto il bug scovato è di tipo UserLand ciò significa che non è a livello kernel e può essere sistemato da Apple tramite update di iOS.
  • Il bug non è lo stesso scovato da Miller qualche giorno fa’;
  • Al momento è stato testato solamente su un iPod 3G con iOS 5.

Quindi i prossimi passi che l’hacker seguirà sono:

  • Aggiornare il suo iPod 3G con iOS 5.0.1 e testarne il funzionamento;
  • Provare l’exploit su iPhone 4 con iOS 5.0.1;
  • Passare ad un iPad 1 e iPod 4G con iOS 5.0.1.
Solo dopo questi passi l’hacker ha affermato che passerà a testare iPhone 4S e iPad 2! I tempi di testing saranno sicuramente lunghi; dato che per ogni passaggio bisogna riscrivere l’exploit!
Fonte: [il blog di Pod2g, link all’interno dell’articolo]

Tu cosa ne pensi?