Windows 7 RTM disponibile per il download!

closeQuesto articolo è stato pubblicato 8 anni 3 mesi 13 giorni fa! Nel mondo HiTech tutto questo tempo equivale ad ere geologiche. Per tanto ricorda che la notizia può essere passata, smentita o annullata!! Quindi effettua altre ricerche nel sito prima di raccontarlo ai tuoi amici!! Potresti fare una figuraccia...

RedMond (CA) – Microsoft ha rilasciato in versione Release to Manufacturing (RTM) il futuro sistema operativo. Finalmente potremo testarne il funzionamento con una versione, si può dire, definitiva.

A comunicarlo è stato Brandon LeBlanc direttamente dal WindowsTeamBlog; l’annuncio è semplice: Windows 7 RTM è disponibile per il download verso chiunque sia interessato a provare la futura versione di Vista.

Attualmente i canali di distribuzione di Windows 7 RTM sono i soliti noti a tutti i beta tester, cioè: MSDN e TechNet. Effettuando la registrazione potrete accedere alla pagina di download di Windows 7 RTM. Come volevasi dimostrare Microsoft ha però limitato il download solamente a determinati tipi di livelli di account su tali portali.

Download Windows 7 RTM

Download Windows 7 RTM

Come potete vedere la versione da 64 bit pesa quasi 3 Giga, il download richiede molto tempo se non si dispone di una connessione banda larga. Purtroppo però l’unica lingua attualmente supportata è l’inglese, un altro pacchetto di localizzazione verrà rilasciato il primo ottobre 2009.

Da quanto si legge su Neowin.net la versione finale di Windows 7 sarà rilasciato entro fine ottobre.

Altra nota dolente si legge su Punto-Informatico.it di oggi, sembra che alcuni problemi di sicurezza potrebbero minare la stabilità del sistema.

Alcuni tecnici hanno scoperto: “Checkdisk, tool per il controllo di integrità su dischi fisici e file system che è parte della dotazione standard dei sistemi Windows da 95in poi. Il software di utilità, anche noto come “chkdsk.exe” agli addetti ai lavori, se usato con il parametro da riga di comando “/r” (per la verifica dei settori fisici danneggiati) su un hard disk/partizione secondaria (quindi non di boot) porterebbe a un abuso non autorizzato di tutta la memoria allocabile rendendo instabile Windows (sia a 32 che a 64 bit) e mandando in crash l’intero sistema.” citazione da Punto-Informatico.it

Tu cosa ne pensi?