Visita Orebla.it su Facebook Segui Orebla.it su Twitter Vedi i video su YouTube di Orebla.it Unisciti alle cerchie di Orebla.it
DOVE TI TROVI: \\ Home Page\php\Guida al PHP: Le basi

Imparare il PHP: Le basi

autore: Orebla
xx/xx/xx

Php le basi:

L’acronimo di PHP è Hypertext Preprocessor, un linguaggio di programmazione web inventato nel 1994 da Rasmus Lerdorf per la crezione di pagine dinamiche e interattive.

Da subito venne adottato da molti programmatori web, presto si diffuse in quasi tutto il mondo di internet. Questo perché dà la possibilità alle pagine web di poter interagire con l’utente, cosa che l’HTML non faceva. Grazie a questo linguaggio è possibile fare acquisti online, scambiarsi messaggi sui forum, ottenere svariate informazioni.

In questa guida analizzeranno le potenzialità di questo linguaggio.

Incominciamo spiegando le differenze tra HTML e PHP: la differenza principale è quella, come già ho detto prima, della dinamicità dell’ Hypertext Preprocessor. Per capire meglio spiegherò cosa succede quando una pagina HTML viene richiamata e poi spiegherò cosa succede quando una pagina PHP viene chiamata.

La "chiamata" di una pagina HTML:
Mettiamo che noi andiamo sul sito www.sito.it/index.htm ora il nostro browser (internet explorer, mozilla, firefox…) invierà una richiesta HTTP al server su cui è ospitato sito.it, quando il server riceve la richiesta HTTP ci invia senza far nulla la pagina index.htm. Perché ho specificato senza fare nulla? Perché il server non elabora le pagine HTML ma sarà il nostro browser a farlo. Infatti se noi proviamo a fare clic con il tasto destro su una pagina HTML e poi clicchiamo su visualizza HTML (per internet explorer) oppure visualizza sorgente (per mozilla firefox) noteremo che il codice è ben in chiaro, questo perché è sul nostro PC che verrà elaborato ed il risultato finale mostrato in schermata.

La "chiamata" di una pagina PHP:
Cambiamo pagina www.sito.it/index.php, come potete notare cambia solo l’estensione della pagina index da .htm a .php; Bene ora il nostro browser invierà una richiesta HTTP al server su cui risiede il sito, il server elaborerà la pagina PHP e ci restituirà l’output in HTML così il nostro browser potrà correttamente visualizzarla. Ora rifacciamo l’esperimento di prima visualizziamo il codice della pagina index.php, come noterete non c’è nessuna differenza con la pagina di prima…. Ma come però questa è una pagina PHP però il codice è scritto in HTML?!?!?

La risposta è molto semplice e vi farà capire le potenzialità di questo linguaggio: mettiamo che creiamo una pagina in php per visualizzare il nostro nome presente in una variabile (ora non vi preoccupare se non capite il codice lo spiegheremo più avanti), il codice è il seguente:


<?php
$nostronome = "Orebla";
echo $nostronome;
?>
Ora se richiamiamo questa pagina con il nostro browser e poi ne visualizziamo il codice otterremo questo:
>Codice HTML:
Orebla
Ecco la risposta a questo "mistero", come vi ho già detto prima il server ha elaborato il nostro codice PHP e ci ha restituito una pagina con codice HTML anche se ha come estensione .php. Capite ora le potenzialità del PHP??
Per esempio il php sarebbe un metodo sicuro per controllare delle password, questo perché il codice venendo elaborato sul server non fa vedere qual è la password giusta.
Questa caratteristica viene chiamata lato-server, cioè il PHP è un linguaggio lato-server. Mentre l’HTML non lo è per i motivi che abbiamo spiegato prima.








Recensione iPhone 5S!

Recensione iPhone 5!