Link building: cos’è e come utilizzarlo

Come creare un link building che ci permette di aumentare la visibilità del nostro sito sui motori di ricerca. Questa è una classica tecnica SEO utile per generare più backlink e migliorare, quindi, il PageRank e il posizionamento su Google. Vediamo come eseguirla e quali sono le regole da rispettare.

Su Google esistono tantissime guide che parlano di Link Buildin come una delle tecniche principali utilizzate dai SEO optimizer per aumentare la visibilità del proprio sito sui motori di ricerca.

A COSA SERVE IL LINK BUILDING:

Il link building, letteralmente creare collegamenti, è la pratica di inserire in altre pagine su altri siti web un collegamento (o anche diversi collegamenti) ad una o più pagine del tuo sito.

Di norma esistono agenzie apposite che, dietro pagamento, creano (su siti collegati) pagine con link che rimandano al sito del cliente.

Queste sono pratiche costose, che portano sicuramente a risultati ma richiedono notevoli investimenti.

QUALI SONO I PRINCIPALI TARGET DEL NOSTRO LINK BUILDING:

Dato che molti webmaster, come me, non hanno soldi da investire in specialisti SEO o agenzie di Link Building ci dobbiamo arrangiare come meglio possiamo.

Ecco alcune nozioni, che io personalmente ho seguito, per creare il proprio link building:

  1. FAR PARLARE DI SE: questa è una tecnica fondamentale. Creare contenuti interessanti proporli ad altri siti, su altri forum, sui social network serve per far conoscere i propri contenuti. Una volta conosciuti gli utenti inizieranno a salvarli tra i propri preferiti e quando vanno in aiuto di qualche altra persona su qualche blog o forum sicuramente inseriranno il link ad una nostra pagina; ed ecco avuto il primo backlink.
  2. PARTECIPARE ATTIVAMENTE A FORUM, COMUNITA’ E BLOG: partecipare, magari diventando un membro importante, di comunità o blog ci permette di avere poi la possibilità di consigliare ad altri utenti le nostre pagine; creando così backlink su tali siti. Iscriversi su centinaia di forum, postando 1 o 2 messaggi, solo per inserire link al nostro sito è una pratica deplorevole, sgradita e spammosa evitatela! Molto meglio acquisire una buona reputazione e poi consigliare le proprie pagine.
  3. CONTATTARE SITI PICCOLI e CREARE COLLABORAZIONI: molte guide continuano ad evitare di generare backlink su siti piccoli, con poche visite e con Page Rank bassi. Io lo trovo non vero. È molta fatica riuscire ad ottenere backlink su siti con PR elevato, sopratutto senza pagare. Creare collaborazioni con siti piccoli, ovviamente è obbligatorio che trattino lo stesso argomento del nostro sito, può tornare molto utile in tutti i casi!
  4. FEED AGGREGATOR: utilizzare molti servizi di feed aggregator può aiutare, anche se non sempre i motori di ricerca li valutano bene, dato che sono siti automatici! Guida su i feed aggregator.
  5. NON SOTTOVALUTARE I TRACKBACK: non sottovalutateli, molte volte tornano utili e generano parecchi backlink verso il nostro sito. Inoltre, molte volte, utilizzano metodi automatici che includono il titolo della pagina; quindi vediamo di inserire, nel titolo del sito, keywords utili. Queste keywords vengono poi inserite come anchor text nei link creati! Come esempio guardate i titoli delle mie pagine!

2 pensieri su “Link building: cos’è e come utilizzarlo

Tu cosa ne pensi?